Marzo 9, 2018 Categoria:

Tecar … Di cosa stiamo parlando?

Una breve presentazione

Chi ha avuto a che fare con tendinopatie, infortuni, operazioni chirurgiche ortopediche, probabilmente ne avrà già sentito parlare. Chi ha un centro di riabilitazione o lavora nello sport, invece, sa certamente di cosa stiamo parlando. La tecar è una tecnologia medicale diffusa in tutta Europa, che viene utilizzata per agevolare il processo di guarigione da un infortunio.
Funziona? Non funziona? La risposta anche in questo caso è… dipende! Ma da cosa dipende? Qui la questione diventa articolata ma si potrebbe semplificare in: dipende dalle caratteristiche dello strumento e in gran parte dall’esperienza e dalla manualità di chi lo utilizza.

Per capire meglio questa risposta facciamo un passo indietro e concentriamoci su cosa può generare lo strumento applicato al corpo umano: incremento della perfusione sanguigna, vasodilatazione, incremento della temperatura, incremento della proliferazione cellulare, … tutti fenomeni strettamente interconnessi sia con il processo infiammatorio, sia con la riparazione dei tessuti biologici.
La prima cosa importante da comprendere è che queste reazioni, seppur influenzate una dall’altra, possono essere stimolate con intensità variabile, in tempi distinti e in zone più o meno ampie a seconda di come viene applicato lo strumento al corpo in base all’obiettivo terapeutico. E questa è una delle caratteristiche che rende la tecnologia tecar particolarmente utile.

/db15dc92818f8039bc8112a9bc9c5a59.jpg” alt=””>

Torniamo ai nostri esempi

L’infiammazione è quindi un processo non solo utile ma necessario ed auspicabile anche per poter risolvere il vostro piccolo ed ipotetico incidente mattutino di cui sopra.
Dopo qualche giorno fate una visita da uno specialista e scoprite che il famigerato colpo all’angolo del letto ha danneggiato qualche fibra del legamento metatarsale superficiale trasverso oltre a qualche capillare circostante. La situazione nel distretto in cui è avvenuto il danno tissutale è paragonabile a quella che si verrebbe a creare se un evento atmosferico piuttosto violento avesse danneggiato un edificio. Immaginiamo l’hotel Marina Bay di Singapore…

seconda parte di questo articolo.

Questo articolo come tutti i contenuti che produciamo con il supporto del nostro comitato tecnico non ha lo scopo di dare indicazioni mediche né tanto meno di sostituire il parere del medico. Ha il semplice obiettivo di fornire un primo quadro informativo su temi legati alla salute e alle tecnologie e ai programmi che sviluppiamo. Per un consulto medico approfondito rivolgiti ad un dottore specializzato nell’argomento di cui hai bisogno.